Celestino III

Celestino III, nato Giacinto Bobone Orsini (ca. 1106 - 8 gennaio 1198), fu Papa dal 1191 al 1198.
Celestino nacque nella nobile famiglia degli Orsini, e venne eletto Papa il 30 marzo 1191, quando era solo un diacono.
Celestino III
Ricevette l'ordine sacerdotale il 13 aprile e governò la Chiesa per sei anni, nove mesi e nove giorni (anche se si ritiene che avesse 90 anni al momento dell'elezione) e morì l'8 gennaio 1198. Venne seppellito in Laterano.
Il giorno seguente la sua elezione Celestino incoronò l'imperatore Enrico VI, con una cerimonia che simboleggiava la supremazia assoluta di quest'ultimo. Questo secondo quanto descritto da Roger Hoveden, cui da credito Baronius, ma non Natalis Alexander. Quando Enrico VI fece uccidere il vescovo di Liegi Alberto di Lovanio il papa non osò protestare e quando, sempre Enrico VI, fece prigioniero Riccardo Cuor di Leone, costringendolo a sborsare un favoloso riscatto, Celestino III non utilizzò l'arma della scomunica nei confronti dell'imperatore, si dice per paura, mentre scomunicò il duca Leopoldo d'Austria, che aveva in custodia il Cuor di Leone. Nel 1192 Celestino III confermò lo statuto dell'Ordine dei Cavalieri Teutonici. Poco prima di morire espresse l'intenzione di abdicare indicando un successore ma i cardinali non glielo permisero.